Tagli capelli

capelli pari

Tagli di capelli pari: 3 look a cui ispirarsi

Addio capelli scalati torna di moda il taglio capelli da donna pari! I tagli geometrici e squadrati, a quanto pare, andranno per la maggiore nei prossimi mesi ma attenzione! Non stanno bene a tutte.

Ecco una gallery di tagli pari a cui ispirarsi e qualche consiglio su come tagliare i capelli pari e a chi sta bene questo stile.

 

Capelli lunghi pari

Le passerelle di Parigi avevano annunciato una primavera all’insegna dei tagli scalati, freschi e sbarazzini, da portare con lunghi ciuffi cadenti sugli occhi e corti fin sopra le spalle. Nel settore della moda però, non è mai detta l’ultima parola. Così, da qualche mese, dal salone da donna sotto casa alle riviste di gossip, ha iniziato a spopolare il taglio lineare con punte pari, preferibilmente lungo e rigorosamente liscio.Capelli lunghi pari

Per chi invece non vuole rinunciare ai capelli mossi, le beach waves sono perfette anche con i tagli pari lunghi qualche centimetro sotto le spalle: una versione più attuale del long bob.

Capelli medi pari

A proposito di long bob, un’altra variante del taglio pari è il bob che invece rimane sopra le spalle. Un paio di centimetri sotto le orecchie oppure un paio di centimetri sopra la spalla, la regola è semplice: lasciare scoperta una porzione di collo per mettere in risalto il décolleté.

Le punte, perfettamente allineate, contribuiscono a disegnare una linea precisa intorno al viso, incorniciandolo.

Capelli medi pari

Capelli pari con frangia

Ad ogni modo, lunghi o corti che siano, i capelli pari si sposano molto bene anche con la frangia.

La geometria di una frangetta corta che lascia intravedere gli occhi, oppure la linea dritta disegnata dalla frangetta stile anni Venti, sono soltanto alcuni degli stili di frangia da abbinare al taglio geometrico.

Capelli pari con frangia

Come tagliare i capelli pari

Quanto più il taglio è geometrico, tanto più è difficile realizzarlo anche se non sembra! Il fai da te, in questi casi, non è consigliato perché il rischio di sbagliare è davvero alto. Tra gli errori più comuni ci sono il taglio obliquo e le punte non uniformi.

Nel primo caso, si ha l’impressioni di procedere lungo una linea retta ma non è così: alla fine vi potreste ritrovare ad avere lunghezze diverse da un lato e dall’altro del capo. Nel secondo caso invece, potreste ritrovarvi con dei “buchi” tra le ciocche e quindi punte disomogenee.

Il nostro consiglio? Affidarsi sempre a un parrucchiere di fiducia e al suo staff!