schiarire capelli
luglio 26, 2017 Hair blog Nessun commento

Esiste un metodo per schiarire i capelli senza dover ricorrere alla decolorazione o all’ossigenazione? La risposta è sì: il vostro parrucchiere di fiducia potrà consigliarvi diverse tecniche e trattamenti tra cui anche l’ormai famoso degradè, con cui realizzare sfumature naturali.

Ognuno di questi trattamenti schiarisce i capelli in maniera impeccabile, offrendo un risultato eccezionale anche a chi vuole passare dai capelli castano scuro ai capelli biondo platino. Certo, la domanda da porsi è: ma tutto questo stress non farà male ai miei capelli?

Vediamo quindi quali sono le principali tecniche di schiaritura capelli nei saloni da donne e quali quelle più naturali e meno dannose per la salute della chioma.

TECNICHE BASE PER SCHIARIRE I CAPELLI: OSSIGENAZIONE E DECOLORAZIONE

La tecnica più comune per schiarire i capelli è l’ossigenazione: consiste nell’applicare su una base scura o chiara una quantità notevole di acqua ossigenata combinata a una crema decolorante. L’ossigeno infatti, aggredisce il capello schiarendolo di diversi toni.

Lo svantaggio di questo metodo però è che rovina il capello, lo sfibra e gli fa perdere di lucentezza. Ecco perché l’ossigenazione richiede anche l’uso della crema decolorante azzurra o gialla, in base alla gradazione a cui si vorrebbe arrivare.

La crema azzurra assicura nuances tendenti al biondo mentre quella gialla è più indicata per nuances scure e ramate.

Ossigenazione e decolorazione sono i due metodi classici utilizzati dai parrucchieri per schiarire i capelli ma come è normale che sia, se si hanno capelli molto scuri i risultati saranno evidenti dopo diverse applicazioni. Se invece la base è chiara il cambiamento si noterà sin dalla prima seduta.

SOSTANZE NATURALI CHE SCHIARISCONO I CAPELLI

Ricorrere all’esperienza di un colorist professionista è sicuramente la scelta migliore da fare se si desidera cambiare radicalmente colore capelli. Se invece si ha semplicemente la necessità di dare un colpo di luce alla chioma, esistono anche delle alternative naturali, meno aggressive di una tinta. I risultati saranno visibili dopo molto tempo ma i capelli rimarranno nutriti e forti.

La camomilla, come da tradizione, è la sostanza naturale più idonea per schiarire e nutrire i capelli: basterà avere la costanza di applicare l’infuso dopo ogni shampoo. Se poi vi esporrete al sole dopo l’applicazione, la luce non potrà far altro che accelerare il processo. Il risultato finale sarà simile al degradè joelle, il famoso effetto baciata dal sole.

Anche il miele, l’aceto e il succo di limone, hanno proprietà simili a quelle della camomilla. Il miele nutre in profondità, l’aceto invece regala sfumature arancioni, il succo di limone infine, è molto indicato per la prima fase della schiaritura dei capelli molto scuri o neri.

Se si hanno capelli rossi o castani tendenti al rosso, un metodo per ottenere sfumature violacee più chiare è l‘infuso di cipolla: l’odore non è gradevole ma il risultato sarà un colore viola intenso più o meno chiaro a seconda della consistenza dell’infuso.

Anche la cannella conferisce riflessi ramati e rossi. Per ottenerli, è richiesta una applicazione per lungo tempo. Il profumo, in questo caso, sarà squisito!

Scritto da Federica D'Amico
Web Content e SEO Jr. appassionata a tutto quanto gravita intorno a comunicazione digitale, no profit, fotografia ed editoria indipendente, vivo a Sud per scelta e racconto storie belle di Calabria. Se le parole non bastano uso le immagini.