Tutorial

treccia a spina di pesce laterale

Treccia a spina di pesce fai da te: tutorial e idee

L’estate sta arrivando e le trecce si confermano un trend di stagione da sfoggiare in riva al mare o a bordo piscina. Perfette per rendere originale il proprio look, le trecce si trasformano in creazioni originali, soprattutto se abbinate ad accessori capelli, make-up e outfit da spiaggia ben studiati.

Sono decine le pettinature possibili e il risultato, una volta sciolta la treccia, è un bel mosso naturale. Tra tutte però la più amata resta la treccia a spina di pesce, nota anche come treccia a lisca di pesce, a spiga di grano o treccia alla francese. Non una delle acconciature più semplici di sicuro, per realizzarla occorre tanta pazienza, ma grazie a questo semplice tutorial riuscirete anche voi a fare una treccia a spina di pesce perfetta da sole. Vediamo come!

La treccia a spina di pesce: tutorial step-by-step

Per realizzare una treccia a spina di pesce laterale occorre munirsi di: un pettine a denti larghi, forcine ed elastici per capelli. Il tutorial che vi proponiamo oggi è pensato per fare una treccia di lato ma può essere replicato anche per fare la treccia alla francese classica.

In verità, è molto più semplice quella laterale, per ragioni di visibilità e perché è meno stancante. Vediamo i passaggi di questo tutorial capelli:

  1. Pettinare i capelli e districare i nodi.
  2. Fare una coda laterale e fermare la parte superiore con un elastico.
  3. Dividere la ciocca in due.
  4. Separare con un dito una ciocca abbastanza sottile dal primo mucchietto, partendo dal retro.
  5. Portare la ciocca al centro, formando una X rispetto alla ciocca più grande.
  6. Ripetere l’operazione dall’altro lato. Le due piccole ciocche dovranno intrecciarsi al centro.
  7. Continuare così fino alle punte.
  8. Chiudere con un elastico.
treccia a spina di pesce tutorial

Per rendere più pulita la treccia, si consiglia di avvolgere una ciocca intorno agli elastici all’inizio e alla fine dell’acconciatura. Gli elastici dovranno essere del tipo sottile, quasi invisibile e preferibilmente dello stesso colore dei capelli.

Treccia capelli: 2 idee a cui ispirarsi

Oltre alla treccia a spina di pesce, adatta a un look romantico ed elegante, sono molte altre le acconciature da realizzare intrecciando i capelli: treccia alla tedesca, la treccia a cascata, la treccia a 4 o 5 ciocche. Anche la treccia a spina di pesce o a spiga di grano ha diverse varianti. Ecco qualche immagine da cui prendere ispirazione, per poi lasciar spazio alla fantasia!

treccia a spina di pesce bassa

Se si desidera un effetto più romantico, è sufficiente allentare leggermente lo spazio tra le ciocche, come in questa immagine. Il risultato è una treccia laterale morbida e delicata per tutti i giorni.

treccia a spina di pesce alta

Facendo partire la treccia da una coda alta e dilatando notevolmente lo spazio tra le ciocche, si ottiene una pettinatura elegante adatta alle grandi occasioni, come in questa foto.

Consigli per una treccia ordinata e duratura

Per realizzare una treccia alla francese ordinata è fondamentale avere i capelli uniformi. Chi ha capelli scalati infatti, rischia quel fastidioso effetto spolverino, con punte e ciocche che fuoriescono dalla treccia. E’ normale, la scalatura rende le ciocche disomogenee e non consente di racchiuderle completamente nell’intreccio. Una soluzione potrebbe essere ripassare la treccia con un prodotto per capelli fissante, per contenere le ciocche che “sparano”.

Un altro accorgimento molto utile è fare la treccia dopo aver lavato i capelli, ma non immediatamente dopo l’asciugatura. Come per la messa in piega classica infatti, i capelli appena lavati e asciugati risultano estremamente “scivolosi”. Meglio attendere il giorno successivo per assicurarsi una tenuta migliore.




Infine, per star sicure che la pettinatura durerà, è fondamentale tendere molto le ciocche e stringere bene gli elastici. La differenza tra una treccia classica e quella alla francese è il fatto che la prima intreccia 3 ciocche e la seconda due, quindi la prima tende a sembrare rigida se troppo stretta, la seconda invece deve essere più fitta proprio per rendere l’effetto della spiga di grano. Il risultato sarà una treccia compatta ma non rigida.